Il DG vicario della struttura mestrina: “Enormi economie di scala. Diventeremmo una realtà da 170 posti letto all’avanguardia nella ricerca”

VENEZIATODAY articolo della Redazione del 7 maggio 2018.

Acquisizione tra Villa Salus e il San Camillo a Venezia. “E’ un matrimonio che chiuderebbe il cerchio, ci dispiacerebbe non andasse a buon fine. Per noi e per chi ci lavora o fa ricerca”. Il direttore generale vicario di Villa Salus, Mario Bassano, parla con entusiasmo della possibile acquisizione dell’istituto San Camillo del Lido di Venezia da parte della struttura mestrina, che lunedì mattina ha inaugurato il nuovo servizio di radiologia e l’ambulatorio per la chirurgia della mano e spasticità: “Ci vorranno circa 2 mesi per arrivare al dunque – ha dichiarato Bassano – ma vediamo che dalla Regione non ci sono posizioni ostative. Capisco che il Lido è un po’ scomodo, ma se le due realtà si uniranno potremo fare enormi economie di scala. Garantendosi servizi vicendevolmente. Diventerebbe una realtà da 170 posti letto riabilitativi, siamo molto contenti”.
Pochi minuti prima sul matrimonio era giunta anche la “benedizione” del presidente del Veneto Luca Zaia: “Noi guardiamo di buon grado all’operazione – ha dichiarato il titolare di Palazzo Balbi – sia il San Camillo, sia Villa Salus hanno un’anima religiosa. Ci sono professionalità e si possono fare economie di scala. E soprattutto si potrà continuare con la partita dell’Irccs e quindi della ricerca” …

Continua a leggere l’articolo completo su VENEZIATODAY

 

 

 

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...